WhatsApp, truffa Adidas
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 450

WhatsApp: attento alla truffa, Polizia Postale lancia l’allarme

Negli ultimi giorni su WhatsApp sta circolando un messaggio che potrebbe far gola a milioni di utenti ignari della truffa nella quale possono incappare. Il contenuto del messaggio virale promette di regalare scarpe e magliette Adidas: “Adidas festeggia il suo 95esimo compleanno regalando 3000 paia di scarpe e magliette. Clicca qui”.

Come è ovvio che sia, sta creando non pochi problemi a quanti decidono di cliccare sul link. Si tratta, infatti, di una tecnica subdola che alcuni malviventi hanno progettato a regola d’arte per rubare i dati personali degli utenti.

Polizia Postale contro la nuova bufala

L’allarme in merito alla nuova bufala è stato lanciato dalla Polizia Postale attraverso il relativo account Facebook:

Dopo le numerose #segnalazioni ricevute negli ultimi giorni, vi invitiamo a diffidare di una bufala che sta tornando attuale su #whatsapp, secondo cui Adidas #regala 3000 #scarpe e magliette in occasione del suo compleanno.

La nota app di messaggistica istantanea non è nuova ad attacchi pishing di questo tipo: l’obiettivo, come sempre, è quello di ottenere in maniera illecita i dati personali degli utenti che cadono nella trappola. Qual è lo scopo per cui gli hacker di turno tentano in tutti i modi di trafugare queste informazioni private? Semplice: rivenderle sul dark web o usarle per rubare i soldi dal proprio conto corrente o accedere ai servizi di home banking.

WhatsApp, la nuova truffa funziona così

Il meccanismo secondo cui agisce la nuova truffa circolante su WhatsApp è molto elementare. Sull’app arriva un messaggio contenente un link su cui fare click per ricevere gratis un paio di scarpe o delle magliette firmate Adidas. Secondo quanto scritto in chat, il famoso marchio starebbe regalando questi capi in occasione del suo 95esimo compleanno.

Dopo aver premuto sul link, ci si connette a nuova pagina che chiede di inserire i propri dati personali per poter finalmente ricevere la merce desiderata. Ecco che in questo momento parte la truffa: una volta inserite le proprie informazioni e fatto tap su “Invia”, in cambio non si riceverà nulla e i truffatori saranno invece entrati in possesso dei tuoi dati per poi dileguarsi.

Usando un’espressione tipica del linguaggio della rete, questo tipo di azione illegale è chiamato “pishing” e ha proprio l’obiettivo di sottrarre agli utenti dati sensibili e informazioni importanti. Truffe così architettate non vengono diffuse solo tramite chat WhatsApp, ma anche mediante e-mail; ovviamente il meccanismo d’azione e lo scopo sono gli stessi.

WhatsApp, come difendersi dalla truffa

La migliore arma di difesa contro simili truffe è prestare un po’ di attenzione. Accorgersi del fatto che si tratti di una bufala non è complicato: ricordati che nessuna azienda regala prodotti di valore, per quanto grande e famosa a livello mondiale possa essere.

Osserva, poi, anche il link di riferimento a cui il messaggio vuole reindirizzarti: la URL potrebbe sembrare a prima vista quella ufficiale di Adidas (che ovviamente è vittima anch’essa della truffa), ma in realtà non è così. Insomma, tieni sotto controllo questi piccoli dettagli e informati su Internet, così eviterai di far felice i truffatori abboccando alla loro trappola.

Tutti gli articoli su →

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Joker malware Android
icona app

Blog

Joker, il nuovo malware che ha colpito gli smartphone Android

“Joker” è il nome attribuito al nuovo malware che ha colpito già quasi mezzo milione di smartphone Android. Il fatto che ricordi uno degli storici nemici di Batman non…

Farnesina e italiani all'estero: app per viaggiare sicuri
icona app

Blog

Viaggiare sicuri, l’app per gli italiani all’estero

L’Unità di Crisi della Farnesina ha lanciato a tal proposito un’app da viaggio rivolta a tutte le persone che sono in procinto di partire per l’estero o vi si…

Guide di Instagram, cosa sono
icona app

Blog

Instagram, da oggi puoi condividere le tue Guide

Instagram non smette di stupirci e oggi lo fa con un nuovo formato interamente dedicato ai numerosi content creator che animano il famoso social network delle foto. Stiamo parlando…

Iscriviti alla Newsletter