Cosa è WhatsApp Pay
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 907

WhatsApp Pay, cosa è e quando sarà disponibile in Italia

Il settore dei pagamenti ha subito notevoli cambiamenti nel corso degli anni: se da un lato sono aumentati in modo esponenziale quelli effettuati mediante carte di credito e di debito, dall’altro stanno prendendo sempre più piede anche le piattaforme create ad hoc per pagare senza usare password o codici e per scambiare denaro. Tutto quello che occorre avere a portata di mano per completare l’acquisto è il proprio smartphone.

In questa panoramica si inserisce perfettamente la novità proveniente dal quartier generale di Menlo Park: dopo aver annunciato Libra, la criptovaluta ideata da Facebook che dovrebbe debuttare entro il 2020 (seppur tra problemi e resistenze), Mark Zuckerberg è pronto a lanciare un nuovo metodo di pagamento basato sull’applicazione di messaggistica istantanea più famosa al mondo: WhatsApp Pay.

WhatsApp Pay, ecco cosa sapere

Le mire espansionistiche dell’azienda californiana non si limitano al mondo dei social, di cui è la principale rappresentante con Facebook, Instagram e WhatsApp, ma abbracciano anche il ramo dei pagamenti digitali: Zuckerberg punta, infatti, alla monetizzazione dei propri utenti e alla creazione di un proprio sistema di pagamento simile a Google Pay e ad Apple Pay.

Integrato direttamente con WhatsApp, WhatsApp Pay consentirà a chi ne farà uso di effettuare operazioni di pagamento nella vita quotidiana, come pagare la spesa fatta al supermercato o inviare dei soldi a familiari e amici. Attraverso l’applicazione ogni utente avrà la possibilità di registrare le proprie carte di credito e trasferire denaro direttamente dalla piattaforma.

WhatsApp testato in India

Al momento il nuovo servizio è in fase di test in India, ma dovrebbe essere lanciato nel 2020 e arrivare anche in altre nazioni, Italia compresa. Stando agli esperti, i test stanno procedendo in maniera spedita, anche se pare si sia registrato qualche ritardo per quanto concerne la gestione dei vari dati dei pagamenti digitali.

Sembrerebbe, infatti, che al momento il sistema sia strutturato sul Paese scelto per testare la nuova piattaforma. Questo significa che le normative vigenti in India in merito al funzionamento della banca centrale indiana permettono di elaborare i dati fuori dai confini nazionali, ma è obbligatorio che essi facciano ritorno nei server indiani per vietarne la copia oltre la penisola.

Quando arriverà in Italia

Ritardi a parte, non vi è alcuna informazione certa sulla data di lancio del nuovo servizio di pagamenti digitali in Italia. Quello che sappiamo per certo è che una volta varcati in confini dell’India per la piattaforma sarà impiegata una tecnologia transnazionale che possa consentire l’utilizzo di WhatsApp Pay in tutto il mondo.

Tutti gli articoli su →

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Immuni e privacy
icona app

Blog

Immuni, cosa cambia per la privacy

L’app Immuni è stata sviluppata per monitorare il tracciamento dei contagi e fornire un valido supporto nella lotta al coronavirus. Sebbene il numero di download abbia superato i 10…

182 app Android infette
icona app

Blog

Scoperte 182 app Android maligne: quali sono

La società cybersecurity Trend Micro ha scoperto ben 182 app Android maligne sul Play Store e su store di terze parti come 9Apps. Si tratta per lo più di…

Android 10, smartphone compatibili
icona app

Blog

Android 10: come sarà il nuovo sistema operativo

Nei giorni scorsi Google ha ufficialmente rilasciato Android 10. A beneficiare sin da subito dell’installazione sono gli smartphone Google Pixel, mentre per i cellulari delle altre aziende l’aggiornamento al…

Iscriviti alla Newsletter