WhatsApp Payments, come funziona
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 333

WhatsApp Pay: come fare pagamenti e bonifici tramite chat

Su WhatsApp sarà possibile effettuare pagamenti e bonifici. Il nuovo sistema, noto come WhatsApp Payments (o WhatsApp Pay), è in fase di sperimentazione già dal mese di febbraio e sarà lanciato entro la fine dell’anno a partire dall’India. L’intento di Facebook Inc. è ovviamente quello di estendere la nuova funzionalità a livello mondiale.

L’India come paese pilota

Will Cathcart, vicepresidente e product manager di Facebook, lo ha confermato nel corso di alcune dichiarazioni rilasciate a YourStory. Stando alle sue parole, l’India è stata scelta come paese pilota perché attualmente risulta essere il mercato più promettente per WhatsApp: nel paese sono 400 milioni gli utenti a utilizzare il servizio e questo non è usato solo per motivi privati, ma è diventato un vero e proprio strumento di business nelle mani delle piccole e medie imprese. Ecco come Cathcart si esprime a proposito:

Una delle cose straordinarie che ho visto qui in India è proprio come WhatsApp è diventato un modo di fare business. Anche se il servizio è stato originariamente concepito per aiutare le persone a comunicare con amici e familiari, le persone lo usano in modi sorprendenti. E questo ci ha dato l’opportunità di creare prodotti come l’app per le piccole imprese.

Collaborazione con l’India

La partnership con l’India per il lancio di WhatsApp Payments si inserisce all’interno di una strategia più ampia che mira ad includere anche le banche indiane e ad accrescere l’inclusione digitale nel paese. Fondamentale sarà, quindi, l’incontro con i funzionari del National Payment Council of India e della Reserve Bank of India per stabilire gli ultimi dettagli della collaborazione e rendere effettivo il lancio del nuovo servizio.

Secondo Cathcart, i pagamenti tramite chat semplificheranno il modo attraverso il quale le persone vengono pagate e il processo risulterà semplice come inviare un messaggio.

Come funzionerà WhatsApp Payments

A differenza di Libra, la valuta elettronica con un suo circuito dedicato annunciata da Facebook, WhatsApp Pay si basa e si baserà su un sistema già esistente e regolamentato, cioè l’UPI (Unified Payments Interface) di National Payments Corporation of India. Ogni transazione avverrà sotto lo stretto controllo della Reserve Bank of India.

Il codice QR introdotto a marzo permetterà agli utenti di procedere col pagamento tramite chat: ogni utente possiede un codice QR e per effettuare la transazione basterà semplicemente scansionarlo. All’app di messaggistica potranno essere associati conti bancari abilitati e per fare ciò occorrerà configurare il proprio account: ognuno potrà inviare ad un altro contatto un bonifico in maniera istantanea, e riceverne altrettanto.

Le transazioni avverranno in modo semplice così come avviene quando si inviano foto e video. Per inviare denaro usando WhatsApp basterà fare click sull’icona del file da condividere e scegliere la voce “Pagamento”. Nella sezione apposita si potrà poi procedere col controllo della cronologia, delle transazioni fatte e dei dettagli del conto.

Tutti gli articoli su →

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Instagram lancia Reels per creare video in stile TikTok
icona app

Blog

Vuoi creare video in stile TikTok? Usa Instagram Reels

Una delle notizie più attese degli ultimi tempi lascia le stanze segrete del quartier generale di Menlo Park e sbarca sui computer e gli smartphone di tutto il mondo:…

Da Runtastic ad Adidas Running
icona app

Blog

Runtastic e Adidas si uniscono: ecco la nuova app Running

L’unione tra Runtastic e Adidas è ormai ufficiale. La famosa app fitness dedicata al tracciamento delle attività e dei progressi in ambito sportivo era stata acquistata dal colosso tedesco…

Android 11 e privacy
icona app

Blog

Android 11 ci proteggerà dalle app spione

Android 11 proteggerà maggiormente la nostra privacy andando ad agire sui permessi concessi alle applicazioni. Rispetto a quanto è già possibile fare con Android 10, la nuova versione del…

Iscriviti alla Newsletter