WhatsApp, messaggi che si autodistruggono
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 644

WhatsApp: sei pronto per i messaggi che si autodistruggono?

Dal quartier generale di WhatsApp continuano ad arrivare notizie interessanti. Dallo scorso ottobre gli sviluppatori della famosa app di messaggistica istantanea sono, infatti, al lavoro su una nuova funzionalità: i messaggi a tempo che si autodistruggono, uno strumento che potrebbe rivoluzionare WhatsApp (e che su altre applicazioni di messaggistica è stato già ampiamente integrato).

A svelare le novità sulla nuova funzionalità è stato, come sempre, il team di WaBetaInfo pubblicando un post sul blog: stando alla versione beta di WhatsApp per Android (la 2.20.197.10), è stata modificata l’interfaccia per inserire i cambiamenti relativi alla funzione “Expiring messages”, cioè i messaggi a tempo. Cerchiamo di capirne di più.

Messaggi a tempo che si autodistruggono, info in più

Con questa funzionalità sarà possibile eliminare i messaggi in modo automatico dopo 7 giorni dall’invio e potranno usarla tutti, non solo nelle chat singole o di gruppo. Basterà accedere alle impostazioni per attivarla e capire il suo funzionamento. Mentre nelle chat singole la funzione può essere attivata o disattivata da entrambi gli utenti, nelle chat di gruppo possono deciderlo solo gli amministratori.

Leggi anche: WhatsApp, nuova funzione per impedire la condivisione di fake news

Lo strumento può funzionare solo per i nuovi messaggi, non per quelli passati. Qualora si dovesse aver bisogno di salvarli prima della loro auto-cancellazione, si potrà inviarli in un’altra chat oppure fare uno screenshot. Tra i messaggi che si autodistruggono valgono ovviamente anche i video, le immagini e i documenti, ma i media inviati restano comunque memorizzati sul cellulare. Al pari degli altri messaggi inviati in chat, anche quelli che si autodistruggono sono protetti dalla crittografia end-to-end.

Quando sarà disponibile la nuova funzione

La funzione non è ancora utilizzabile ed è visibile solo sulla versione beta dell’applicazione, ma i test interni sono stati già avviati, quindi potremmo presto sfruttarla sui nostri dispositivi. Il rilascio ufficiale dovrebbe, infatti, avvenire sulla versione beta già nei prossimi mesi. Non ci resta che attendere aggiornamenti in merito.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

SimJacker, bug schede SIM
icona app

Blog

SimJacker: scoperto gravissimo bug in tutte le schede SIM

Negli ultimi giorni si è diffusa la notizia di un gravissimo bug che consentirebbe la violazione della privacy di tutti gli smartphone possibili: questi potrebbero essere controllati a prescindere…

eSIM, quando in Italia
icona app

Blog

eSIM: cosa sono, come funzionano e quando in Italia

Dopo la loro prima comparsa in America nel 2014 (sugli iPad Air 2 della Apple), anche in Italia stanno per fare il loro ingresso le eSIM, le nuove schede…

Twitter, pulsante "Non mi piace" in arrivo
icona app

Blog

“Non mi piace” su Twitter: cosa si sa sulla nuova funzione

Twitter si prepara a integrare una nuova funzione nel suo prossimo aggiornamento. Si tratta del pulsante per il “downvoting”, ossia una freccia rivolta verso il basso che può essere…

Iscriviti alla Newsletter