WhatsApp fine supporto su alcuni iPhone
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 108

WhatsApp non più utilizzabile su alcuni iPhone, ecco quali

WhatsApp non potrà più essere utilizzato sugli iPhone con sistema operativo iOS 8 o precedenti a partire dal giorno 1 febbraio 2020. La stessa Apple ha voluto annunciare la notizia attraverso un post inserito all’interno delle FAQ relative all’applicazione. Non si tratta di certo di un’indiscrezione che coglie gli utenti impreparati: negli anni precedenti la famosa app di messaggistica istantanea aveva già sospeso il supporto per alcuni sistemi operativi mobile (come il Symbian) su cui WhatsApp non riusciva più a funzionare correttamente.

L’annuncio di oggi coinvolge in particolar modo tutti i possessori di iPhone con sistema operativo obsoleto. Se da un lato la gamma di OS firmati Apple annovera al suo interno il nuovo iOS 13, dall’altro occorre ricordare che molti utenti possiedono ancora cellulari risalenti al 2014, anno in cui iOS 8 è stato lanciato. Cosa puoi fare se sul tuo smartphone risulta installato iOS 8? Vediamolo insieme.

WhatsApp saluta alcuni iPhone

Se ti stai chiedendo quali saranno i modelli coinvolti, non ne esistono di specifici. A non ricevere più il supporto per WhatsApp saranno in generale tutti i dispositivi con iOS 8. Cosa significa? Che a partire dall’1 febbraio 2020 sul tuo cellulare con iOS 8 l’app di messaggistica non sarà più funzionante in maniera ottimale.

Non potrai più creare un account né rivendicare la paternità di uno già esistente, ma le conseguenze si ripercuoteranno anche sugli aggiornamenti e sulle nuove funzionalità rilasciate in futuro dagli sviluppatori, perché non avrai più modo di riceverli.

Cosa puoi fare per evitare di ritrovarti in questa situazione? Innanzitutto aggiorna il tuo iPhone alla versione iOS più recente disponibile per il tuo smartphone. L’altra soluzione, di certo non propriamente economica e alla portata di tutti, è comprare un nuovo cellulare.

Fine del supporto WhatsApp per iOS 8, quali sono i rischi

Cosa succede se continui ad usare un iPhone non più supportato da WhatsApp? I rischi principali che puoi correre riguardano soprattutto la sicurezza dei tuoi dati personali: qualora dovesse, infatti, presentarsi una falla di sicurezza grazie alla quale gli hacker possono ottenere l’accesso alle tue informazioni e fosse necessario aggiornare l’applicazione per risolvere la vulnerabilità, il tuo WhatsApp non potrà ricevere aggiornamenti.

Questo vuol dire che non possiamo consigliarti di continuare ad utilizzare sul tuo smartphone un’app che non può più ricevere patch di sicurezza o nuove funzionalità con le quali comunicare in maniera più facile con i tuoi amici e familiari. Il tuo WhatsApp per iPhone iOS 8 potrà, quindi, essere usato, ma con evidenti pericoli e limitazioni.

TAG

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Da Runtastic ad Adidas Running
icona app

Blog

Runtastic e Adidas si uniscono: ecco la nuova app Running

L’unione tra Runtastic e Adidas è ormai ufficiale. La famosa app fitness dedicata al tracciamento delle attività e dei progressi in ambito sportivo era stata acquistata dal colosso tedesco…

Android, in arrivo la modalità Focus
icona app

Blog

Android, in arrivo modalità “Focus” per distrarsi meno

All’appello tra le aziende volte a promuovere e garantire il benessere digitale non poteva di certo mancare Google. Il colosso californiano ha reso disponibile una nuova funzione volta proprio…

Google Maps, come segnalare incidenti e ostacoli
icona app

Blog

Google Maps, ecco come segnalare incidenti e pericoli

Google Maps continua ad evolversi, contemplando al suo interno funzioni sempre più innovative e utili. Il nuovo aggiornamento rilasciato dal grande colosso californiano importa nell’app una funzionalità pensata sia…

Iscriviti alla Newsletter