Telegram, novità aggiornamento dicembre 2020
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 713

Telegram, tutte le novità della famosa app di messaggistica

Ci sono voluti ben dodici aggiornamenti per poter usare Telegram al massimo delle sue potenzialità. Con l’ultimo di questo 2020 sono state integrate varie novità interessanti, prime tra tutte le chat vocali, che possono essere usate per scopi diversi: dalla didattica a distanza alle call per lavoro, ma anche per semplice svago e per comunicare con i propri contatti.

L’aggiornamento di dicembre 2020 porta in campo anche altri cambiamenti, riguardanti nello specifico le animazioni, gli sticker animati, l’editing delle foto direttamente all’interno dell’applicazione e la possibilità di archiviare i dati sulla scheda SD del telefono. Sugli iPhone è inoltre possibile far leggere i propri messaggi da Siri.

Ultima, ma non per importanza, è la novità relativa alla pubblicità e alle funzioni Premium, inserite a partire dal 2021 per far fronte ai costi crescenti. Ovviamente l’usabilità di Telegram resterà inalterata per gli utenti.

Arrivano le chat vocali su Telegram

Una delle novità più importanti di questo ultimo aggiornamento sono senza alcun dubbio le chat vocali che vanno ad affiancare le classiche testuali. Queste non consistono in chat di gruppo vere e proprie, perché la comunicazione può avvenire anche testualmente mentre si lascia attiva sullo sfondo quella vocale.

Quando una chat vocale di gruppo è attiva, nella barra in alto viene mostrata la persona che sta parlando; se la chat vocale, però, viene messa sullo sfondo, sullo schermo dello smartphone compaiono i comandi del microfono per poter attivare o disattivare la funzione.

Come avvengono le chat vocali? Su Mac o PC si può decidere di impostare un tasto come “push-to-talk”, mentre per i dispositivi Android è stato creato un widget per gestire la chat vocale. Alle nuove chat vocali di gruppo di Telegram possono partecipare contemporaneamente migliaia di persone, e questo le distingue sicuramente dalle chiamate vocali di gruppo di WhatsApp.

Altre novità minori

  • Sticker: grazie alla loro ottimizzazione, le animazioni possono raggiungere i 180 frame e avere una risoluzione illimitata. Nuove animazioni sono disponibili su Android.
  • Editing di foto internamente all’app: su iOS le foto modificate possono essere nuovamente reinviate; su Android a una foto già inviata possono essere aggiunti disegni, effetti e sticker. Il tutto senza mai uscire dall’applicazione.
  • Archiviazione dei dati: i dati delle chat possono essere trasferiti sulla scheda SD del proprio smartphone senza che l’applicazione subisca danni.
  • Pubblicità e funzioni Premium: la pubblicità non sarà inserita nelle chat di gruppo o personali, ma solamente nei canali. Per quanto riguarda invece le funzioni, tutte quelle usate finora continueranno ad essere gratuite, altre invece saranno a pagamento (come ad esempio gli sticker premium).

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Abbonamento Twitter Blue, cosa è
icona app

Blog

Twitter Blue, cosa sapere sul nuovo sistema di abbonamento

Per usare Twitter è possibile sottoscrivere un abbonamento ad hoc che consente di utilizzare funzioni specifiche. Stiamo parlando di Twitter Blue, il sistema grazie al quale gli utenti Android…

Android 10 per Samsung Galaxy; quando è previsto l'aggiornamento
icona app

Blog

Android 10 sugli smartphone Samsung: quando arriverà l’aggiornamento

Ad attendere con ansia l’aggiornamento ad Android 10 sono in tantissimi e il malumore comincia un po’ a serpeggiare tra i possessori di smartphone Android convinti che questo sarebbe…

Spotify, in arrivo la geolocalizzazione
icona app

Blog

Spotify: geolocalizzazione contro i furbetti dell’abbonamento

Gli abbonamenti Family sottoscritti furbamente potrebbero avere i giorni contati. Un’affermazione che suona quasi come una sentenza per tutti coloro che usano Spotify in maniera non propriamente lecita. Sarebbe,…

Iscriviti alla Newsletter