Nuova versione Telegram a pagamento in arrivo
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 214

Telegram a pagamento, versione in arrivo a novembre

Telegram, l’acerrima rivale di WhatsApp per quanto riguarda il mondo della messaggistica istantanea, sta per diventare la protagonista di un cambiamento epocale. La novità, già anticipata lo scorso anno e ora in arrivo entro la fine di novembre, rappresenterà una vera e propria rivoluzione.

Stiamo parlando di una nuova versione premium dell’app che andrà ad affiancarsi a quella che milioni di utenti in tutto il mondo già hanno scaricato e utilizzato sui loro smartphone, a volte preferendola anche allo stesso WhatsApp (memorabile in tal senso è stata la fuga da quest’ultima in seguito al blackout delle piattaforme di Mark Zuckerberg avvenuto poche settimane fa).

Leggi anche: Problemi Instagram, l’app pronta ad avvisare gli utenti

Ad annunciare l’arrivo della versione a pagamento di Telegram è stato lo stesso Pavel Durov, sottolineando la necessità di sottoscrivere un abbonamento per poter sfruttare alcune funzionalità aggiuntive, in primis il blocco delle pubblicità.

Novità in casa Telegram

Nella versione premium di Telegram ci saranno ovviamente degli elementi diversi rispetto alla classica versione gratuita.

Uno di questi, come già detto, consentirà di bloccare all’interno dei canali tutti gli annunci pubblicitari ufficiali. Per impedire che le reclame compaiano durante lo scambio di messaggi, i creatori dei canali potranno disattivarle in prima persona. La nuova funzionalità sembrerebbe pronta all’uso; occorre solo definire il dettaglio delle condizioni economiche.

Pagando un abbonamento, non solo sarà possibile finanziare Telegram, ma anche aiutare l’azienda a sviluppare nuove funzioni con cui migliorare l’applicazione.

Versione premium di Telegram, cosa mancherà

Telegram, per non allarmare i suoi utenti, ha ribadito ancora una volta che i messaggi promozionali compariranno solo nei canali pubblici della piattaforma. Questo significa che al momento, a prescindere dal tipo di piano che si sceglie di sottoscrivere, nella nuova versione non sono contemplati i gruppi e le chat uno a uno, cioè due dei formati che gli utenti utilizzano con una frequenza maggiore.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Gli smartphone Huawei ricevono l'aggiornamento a EMUI 10
icona app

Blog

Huawei e EMUI 10: nuovo aggiornamento tra novità e problemi

I due sistemi operativi maggiormente utilizzati nell’ambito dei dispositivi mobili sono Apple e Android. Vi sono, però, degli smartphone sui quali è stata installata un’interfaccia utente propria, al fine…

WhatsApp senza telefono, novità in beta
icona app

Blog

WhatsApp senza telefono, la novità più attesa di sempre

Come sappiamo, lo scorso settembre 2021 è stata lanciata la funzione “Multidispositivo” di WhatsApp, grazie alla quale è possibile usare l’applicazione contemporaneamente da più dispositivi fino a un massimo…

Stop a Google Play Music
icona app

Blog

Google Play Music saluta gli utenti, YouTube la sostituisce

Da gennaio 2021 Google Play Music non esisterà più: al suo posto verranno usati YouTube Music e Google Podcast. Dopo un’onorata carriera con più di 5 miliardi di download,…

Iscriviti alla Newsletter