App di Squid Game: perché sono pericolose
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 185

App di Squid Game: perché è pericoloso scaricarla

Il successo di Squid Game è ormai innegabile. Lo confermano non solo i dati di ascolto che Netflix ha diffuso, ma anche il fatto che, così come attestano due ricercatori di malware noti e affidabili, gli hacker stiano sfruttando il nome della serie per creare app pericolose e diffondere virus di vario tipo.

Si tratta di un allarme che non deve essere preso sottogamba perché il proprio telefono può essere infettato dal virus Joker. Il primo consiglio da seguire è quello di non scaricare nessuna app che faccia riferimento a Squid Game: non esiste infatti né un’applicazione ufficiale della serie né notizia di un’altra serie TV presto in onda su Netflix.

La tipologia di malware che può finire nel nostro smartphone può spaziare dalla pubblicità a virus molto pericolosi per la salute del nostro dispositivo. Approfondiamo meglio il discorso.

App infetta di Squid Game

L’app in questione, contenente un malware molto nocivo, è chiamata “Squid Game Wallpaper” ed è stata creata per permettere il download di sfondi ad alta risoluzione relativi alla serie TV coreana.

Dopo essere stata scaricata e installata sullo smartphone, l’applicazione però fa partire una libreria che installa un virus nel telefono. Si tratta di un meccanismo che neanche i controlli antivirus del Play Store possono smascherare. In seguito alla segnalazione, l’app “Squid Game Wallpaper” è stata rimossa dallo store ufficiale di Google e quindi non risulta più disponibile, ma, se dovesse essere stata installata, sarebbe meglio rimuoverla immediatamente dal cellulare eseguendo poi una scansione antivirus mediante app apposite come Avast o Clean Master.

Perché il virus Joker è pericoloso

Nel corso del 2019 più di mezzo milione di utenti sono stati infettati da questo virus informatico.

La pericolosità di questo malware deriva dal fatto di essere sia uno spyware con la capacità di rubare i dati sensibili dell’utente (come quelli delle carte di credito), sia un adware col potere di eseguire chiamate verso numeri a pagamento in background. Questo fa sì che l’utente corra il rischio di ritrovarsi da un momento all’altro senza soldi per via di servizi a pagamento e abbonamenti attivati a sua insaputa.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Spotify, in arrivo la nuova funzione "Tastebuds"
icona app

Blog

Spotify, una nuova funzione rende l’app più social

Vuoi sapere quali sono le canzoni ascoltate dagli amici su Spotify? Presto potrai soddisfare la tua curiosità usando una nuova funzione in fase di implementazione sulla piattaforma di streaming…

Waze rilascia la funzione "Costo pedaggio"
icona app

Blog

Waze, ora puoi conoscere il costo del pedaggio anche in Italia

L’aggiunta della funzionalità “Costo pedaggio” non è una novità per la famosa app di navigazione GPS. Il suo lancio ufficiale è avvenuto già nel corso dello scorso luglio, ma…

WhatsApp, passaggio da Android a iOS e viceversa
icona app

Blog

WhatsApp, come non perdere i dati cambiando sistema operativo

Una delle funzioni più attese di sempre potrebbe presto essere integrata su WhatsApp. A darne notizia sono i ragazzi di WABetainfo, secondo cui il team di sviluppo della famosa…

Iscriviti alla Newsletter