Siri di Apple, registrazioni conversazioni e atti sessuali
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 251

Apple si scusa: Siri registrava atti sessuali degli utenti

Dopo il polverone sollevato da The Guardian, denunciando il fatto che Siri ascoltasse le conversazioni degli utenti, giungono le scuse ufficiali di Apple in merito ad un’indiscrezione che aggrava ulteriormente la sua posizione: l’assistente vocale del colosso di Cupertino registrava gli utenti mentre erano impegnati in atti sessuali.

Una violazione della privacy gravissima a cui si aggiunge il fatto che questi audio in entrata venissero giornalmente ascoltati dai dipendenti incaricati di verificare e migliorare l’esperienza con Siri.

Il mondo sommerso delle registrazioni di Siri

A diffondere queste informazioni in forma anonima (per paura di subire ritorsioni e perdere il posto di lavoro) sarebbe stata proprio una fonte interna all’azienda. Siri può essere attivata sia pronunciando «Ehi Siri» sia riproducendo suoni similari, ma stando alle sue affermazioni sembrerebbe che l’assistente vocale sia in grado di attivarsi “per errore” anche col semplice rumore di una zip che si apre.

L’assistente vocale si attiva anche alzando l’Apple Watch, lasciandosi così a disposizione ben 30 secondi di “ascolto involontario”: in questo lasso di tempo è già possibile farsi un’idea di quello che l’utente sta facendo in quel preciso momento, ecco perché oltre agli audio di natura sessuale sarebbero stati registrati anche dialoghi di altro genere ed entità, come quelli tra persone che vendevano e compravano droga o riguardanti questioni mediche particolarmente delicate.

Insomma, la storia delle registrazioni di conversazioni riservate da parte di Siri (e altri assistenti vocali tra cui Cortana e Google Assistant) appare sempre più torbida, gettando un velo nero sulle grandi società hi-tech che tutti noi conosciamo.

Apple, scuse ufficiali e provvedimenti

Lo scandalo che ha coinvolto Apple è scoppiato a inizio agosto, dopo la notizia dell’assunzione dei collaboratori con l’intento esplicito di ascoltare le conversazioni degli utenti tramite Siri. L’azienda ha voluto scusarsi pubblicamente per questa pratica e ha annunciato che prenderà provvedimenti per cambiare la sua politica di tutela della privacy.

Sospeso il programma Grading

In particolare, è stato ufficialmente sospeso il programma Grading messo in atto per monitorare e valutare la qualità delle interazioni degli utenti con il famoso assistente vocale. Si tratta, però, di una sospensione momentanea, perché riprenderà, infatti, in autunno.

Trattandosi, però, di una attività svolta da persone fisiche e avendo compreso la preoccupazione degli utenti in merito a questo particolare, la vicenda ha già avuto i suoi risvolti negativi: già nella sola sede di Cork in Irlanda, Apple avrebbe infatti già licenziato oltre 300 impiegati, gli stessi che erano stati assunti proprio per ascoltare i file audio delle varie interazioni con Siri.

Attivazione dell’opzione opt in

Oltre alla sospensione temporanea delle registrazioni, Apple ha fatto sapere che la loro archiviazione non avverrà più in maniera automatica, e quindi in qualità di impostazione predefinita, ma solo previa autorizzazione esplicita da parte dell’utente attraverso l’opzione opt in.

Chiunque deciderà di sottoscriverla, avrà la garanzia che ai file audio potranno avranno accesso solo i dipendenti Apple e che, in caso di registrazioni acquisite in seguito ad attivazioni accidentali e involontarie di Siri, i messaggi saranno eliminati.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Applicazioni per rallentare i video
icona app

Blog

Applicazioni per rallentare i video: ecco le migliori

L’editing video è diventata una delle tue più recenti passioni? Ti piacerebbe installare sul tuo smartphone delle app per rallentare i video che realizzi o diminuire la velocità di…

Google Play Store, nuovo programma ricompense per gli utenti
icona app

Blog

Play Store: Google vuole pagare gli utenti per scovare anomalie nelle app

Il Play Store di Google non sta vivendo periodi felici. Tra applicazioni che raccolgono e vendono a terzi i dati personali degli utenti (ovviamente a loro insaputa) e virus…

182 app Android infette
icona app

Blog

Scoperte 182 app Android maligne: quali sono

La società cybersecurity Trend Micro ha scoperto ben 182 app Android maligne sul Play Store e su store di terze parti come 9Apps. Si tratta per lo più di…

Iscriviti alla Newsletter