iorestoacasa, app contro coronavirus
iorestoacasa

AppSalute e fitness
giorno commenti 0 visite 360

iorestoacasa, l’app lanciata da Exprivia e FISM contro il coronavirus

Il ruolo della tecnologia diventa sempre più essenziale e il suo supporto non può mancare neanche in questo delicato momento storico che richiede la partecipazione attiva dell’intera comunità (scientifica e non) per sconfiggere il coronavirus. È in questo panorama che si inserisce iorestoacasa, l’app lanciata dalla Federazione delle Società Medico Scientifiche (FIMS) in collaborazione con Exprivia.

Il nome è un chiaro riferimento al decreto emanato dal governo italiano per contrastare l’emergenza. L’applicazione è stata sviluppata per promuovere comportamenti corretti e valutare il grado di attenzione dell’utente in merito ai sintomi e alle azioni compiute nell’ultimo periodo. Attenzione, però: iorestoacasa non ha “finalità di diagnosi, prevenzione, monitoraggio, previsione, prognosi, trattamento o attenuazione di malattie e non si sostituisce in alcun modo alle decisioni del medico competente“.

iorestoacasa, come funziona l’app

Dopo l’indispensabile premessa, possiamo spiegarti il funzionamento dell’applicazione: iorestoacasa fa delle domande all’utente per calcolare il suo grado di consapevolezza della situazione attuale e il suo livello di rischio sulla base delle informazioni fornite. Gli interrogativi posti dall’app sono diversi e riguardano i sintomi, le abitudini, la famiglia, i viaggi compiuti e i vaccini fatti.

Leggi anche: Coronavirus, la tecnologia al servizio della comunità

A seconda delle risposte, il livello di attenzione sarà ritenuto basso, medio o alto. Se l’utente dovesse rivelare un grado di attenzione non accettabile, e quindi basso, iorestoacasa lo ammonirà ricordandogli di attenersi alle misure contenute nel decreto DCPM dell’11 marzo 2020 e che potrà uscire di casa solo se strettamente necessario (tale necessità dovrà anche essere comprovata).

Qualora il livello di attenzione dovesse rivelarsi alto, l’utente sarà invitato a seguire le norme del decreto e a contattare il medico di base di riferimento affinché gli venga indicato un vademecum da seguire, nello specifico quello dell’Istituto Superiore di Sanità (le infografiche possono essere consultate al seguente link)

Condividere informazioni scientifiche è fondamentale

L’app sarà sottoposta a miglioramenti, sfrutterà infatti l’Intelligenza Artificiale per aiutare le Autorità a raccogliere quanti più dati possibili. In merito all’importanza della condivisione delle informazioni scientifiche, il dottor Franco Vimercati, presidente della FISM, ha sottolineato che questa “è assolutamente indispensabile per promuovere comportamenti corretti e sicuri tra gli operatori sanitari e le persone che possono sentirsi disorientate o confuse dalla moltitudine di notizie che circolano in questi giorni“.

Scarica l’app

iorestoacasa può essere scaricata gratuitamente dal Play Store e presto sarà disponibile anche per i possessori di iPhone.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

KAYAK, app organizza viaggio
KAYAK

AppViaggi

KAYAK, l’app per organizzare il tuo viaggio in ogni dettaglio

Sei alla ricerca di un’app di viaggio con la quale organizzare ogni dettaglio possibile della tua prossima vacanza? Perfetto, sei nell’articolo giusto, perché nel corso delle prossime righe ti…

Jova Beach App, aspettando il Jova Beach Party 2019 (Foto: Jovanotti)
Jova Beach App, l'app del tour Jova Beach Party

AppMusica

Jova Beach App, l’app ufficiale del Jova Beach Party

In attesa dell’inizio del Jova Beach Party, il maxi tour estivo 2019 di Lorenzo Jovanotti per le spiagge d’Italia, quel “ragazzo fortunato” con berretto e felpa oversize anni ’90…

Duolingo, app per imparare le lingue gratis
Duolinguo

AppUtility

Duolinguo, l’app per imparare le lingue in modo semplice e divertente

“Do you speak English?” Questa è la tipica domanda introduttiva quando in un paese straniero o in un colloquio di lavoro vogliono comunicare con te in lingua inglese. Certo,…

Iscriviti alla Newsletter