App IO, come funziona e come funziona il bonus vacanze 2020
IO

AppUtility
giorno commenti 0 visite 160

Bonus vacanze 2020: IO è l’app per richiederlo

Per quanto durante la pandemia anche il solo sentir parlare di vacanze apparisse un discorso surreale, eccoci invece oggi alle prese con la scelta della meta ideale in cui trascorrere qualche giorno di ferie. Per consentire alle famiglie i primi spostamenti post coronavirus e far ripartire il turismo, il governo ha varato il bonus vacanze 2020, utile per chi vuole alloggiare in b&b, alberghi e agriturismi in tutta Italia.

È probabile che solo il 52,2% degli italiani ne farà uso, ma è pur sempre utile sapere come funziona il bonus vacanze per capire a chi spetta e come richiederlo. Una guida in tal senso è stata fornita dalle Agenzie delle Entrate, pubblicando sul suo sito le apposite istruzioni tecniche.

Un dato importante da sottolineare riguarda l’applicazione che è necessario scaricare sul proprio smartphone per richiedere il bonus vacanze: si chiama IO ed è accessibile o mediante carta d’identità elettronica o mediante identità digitale SPID. Vediamo a cosa serve IO nello specifico.

IO, cos’è e come funziona

Sul Play Store è definita “l’app dei servizi pubblici”. IO è infatti un’applicazione grazie alla quale è possibile gestire e usare i servizi delle Pubbliche Amministrazioni italiane (sia locali che nazionali) in tutta sicurezza, inclusi comunicazioni e pagamenti. Con IO puoi:

  • ricevere informazioni importanti dagli enti pubblici
  • ricevere avvisi di pagamento e pagare servizi e tributi in pochi secondi (o scansionando il Codice QR dell’avviso cartaceo o direttamente dal messaggio)
  • ricordare e gestire le varie scadenze verso la Pubblica Amministrazione
  • consultare lo storico dei pagamenti effettuati verso la Pubblica Amministrazione.

Per usare IO puoi registrarti in due modi: inserendo le tue credenziali SPID o con la tua Carta d’Identità Elettronica (CIE). Dopo la prima registrazione puoi accedere alla piattaforma semplicemente digitando il PIN da te impostato oppure attraverso il riconoscimento biometrico (riconoscimento del volto o impronta digitale).

App IO: come richiedere il Bonus Vacanze 2020

Bonus vacanze 2020, ecco cosa sapere

Bonus vacanze, a chi spetta

In cosa consiste il bonus vacanze? In un contributo massimo di 500 euro, da ricevere in formato digitale, per pagare i servizi offerti dalle strutture ricettive italiane (b&b, alberghi e agriturismi) nel periodo tra l’1 luglio e il 31 dicembre 2020.

Spetta a tutti i nuclei familiari con ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) inferiore a 40mila euro, può essere usato una sola volta da un solo componente della famiglia (anche diverso da chi ha inoltrato la richiesta), in un’unica soluzione e per un sola struttura ricettiva.

Ecco come sarà distribuito il contributo a chi rientra nel parametro economico:

  • 500 euro per le famiglie composte da più di due persone
  • 300 euro per famiglie di due persone
  • 150 euro se il nucleo è formato da una sola persona.

Leggi anche: Immuni, come funziona e come scaricarla

Come funziona il bonus vacanze

Per capire come funziona il bonus vacanze, partiamo da un esempio. Ricevi il bonus di 500 euro: l’80% di sconto (e quindi 400 euro) lo ottieni quando effettui il pagamento in albergo, il restante 20% (cioè 100 euro) lo recuperi come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi 2021. La detrazione viene ricevuta dal componente della famiglia a cui è intestata la fattura (o un documento fiscale equivalente) che attesta l’avvenuto pagamento del soggiorno: ricorda che la fattura o lo scontrino è essenziale per ottenere l’incentivo.

Un altro dato importante da ricordare riguarda il pagamento alla struttura: questo può essere effettuato o direttamente all’albergo o attraverso un’agenzia di viaggi; non può invece avvenire se si decide di prenotare una struttura mediante portali come Booking.com, AirBnb e simili. In quest’ultimo caso, infatti, non potrai usufruire del bonus vacanze.

Cosa fare prima di richiedere il bonus vacanze

Per poter richiedere il bonus vacanze a partire dall’1 luglio, devi fare alcune operazioni preliminari.

  1. Rilascio attestazione ISEE: mediante un CAF devi presentare all’INPS la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), affinché possa essere calcolato e rilasciato l’ISEE.
  2. SPID (Sistema pubblico di identità digitale): mediante questo sistema di autenticazione puoi accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione. Ecco come richiederlo.
  3. Carta di Identità Elettronica (CIE): questo documento sostituisce la classica carta d’identità cartacea e viene rilasciato dal Comune. I primi 4 numeri del PIN li ricevi nel momento in cui effettui la richiesta all’ufficio comunale, i restanti 4 ti vengono invece inviati tramite raccomandata in allegato al documento digitale.

Bonus vacanze, come richiederlo tramite IO

Con in mano ISEE e credenziali per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione, non devi far altro che scaricare e installare sul tuo smartphone l’app IO dedicata ai servizi pubblici e inoltrare la richiesta già dall’1 luglio 2020.

Ecco come richiedere il bonus vacanze tramite l’applicazione.

  • Accedi a IO tramite credenziali SPID o CIE (Carta d’Identità Elettronica).
  • Vai nella sezione “Pagamenti”.
  • Mediante controlli incrociati con la banca dati dell’INPS, IO verificherà che tu abbia i requisiti economici necessari per richiedere il bonus.
  • In caso positivo, puoi inviare la richiesta del bonus tramite app e attendere da questa la comunicazione dell’avvenuta attivazione del bonus.
  • Nella sezione “Pagamenti” puoi trovare il codice univoco e il QR-code associato al tuo bonus vacanze: questi dati devono essere comunicati all’albergatore quando paghi il soggiorno.
  • Per essere certo che il bonus sia utilizzabile, contatta la struttura per sapere se vuole aderire all’iniziativa e accettare il pagamento tramite bonus vacanze.

Cosa deve fare l’albergatore

Al momento del pagamento in albergo, l’albergatore deve verificare la validità del bonus inserendo i dati relativi in una specifica area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate. Nello specifico, deve inviare in tempo reale i seguenti dati: codice fiscale del cliente e QR-code o codice univoco associati al bonus vacanze.

L’80% di sconto che il cliente riceve sarà recuperato dall’albergatore (a partire dal giorno successivo al pagamento) come credito d’imposta compilando l’apposito modello F24 (insieme a un codice tributo): questo credito d’imposta potrà essere ceduto (totalmente o parzialmente) a terzi, come fornitori, intermediari finanziari e istituti di credito.

Scarica l’app

L’app IO è disponibile gratuitamente su Play Store e Apple Store. Accedi al tuo store di riferimento e scarica l’applicazione con un semplice click.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

LastPass, cos'è e come funziona
Lastpass Password Manager

AppUtility

LastPass, l’app per gestire e conservare le password

Ti sei mai chiesto a quanti siti sei iscritto e quante password diverse hai dovuto inserire per poter usufruire dei vari servizi? Tantissimi, come d’altronde chiunque di noi. Codici…

myCicero, app per trovare e pagare parcheggi
myCicero

AppViaggi

myCicero, l’app per pagare parcheggio e mezzi pubblici con un click

Tu e la tua dolce metà avete deciso di prendere l’auto per raggiungere il centro. Sei certo di trovare parcheggio in un lampo, ma ormai vaghi da interminabili minuti…

Photomath, app per risolvere i problemi di matematica
Photomath

AppUtility

Photomath, l’app per studiare matematica senza paura

La matematica, si sa, non incontra esattamente i gusti di tutti gli studenti del mondo. È però possibile ovviare al problema facendosi aiutare dalla migliore app per la scuola…

Iscriviti alla Newsletter