Accordo tra Huawei e TomTom
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 360

Huawei, TomTom come alternativa a Google Maps

Se il ban di Trump non dovesse subire modifiche e si continuasse a non poter installare le app di Google sui suoi dispositivi, in qualche modo Huawei dovrà pur cautelarsi. Ha deciso di farlo sin da ora stilando un accordo con TomTom per l’utilizzo dei suoi servizi di navigazione.

Stando alle vicissitudini in corso dallo scorso maggio, il colosso di Shenzhen è stata inserito nella lista delle società con le quali le imprese americane non possono intrattenere rapporti commerciali poiché considerate pericolose per la sicurezza nazionale. In virtù del divieto, Google non può in alcun modo fornire a Huawei la licenza per usare il suo sistema operativo, quindi applicazioni come Play Store, Google Assistant, Gmail e Google Maps non possono essere installate.

L’accordo commerciale stretto con la società olandese risponde, quindi, all’esigenza di trovare una valida alternativa a uno dei servizi più usati dagli utenti, ovvero Google Maps.

Huawei e la sua strategia alternativa

L’accordo con TomTom sarebbe diventato definitivo già mesi fa, ma è stato diffuso solo ora. Questa stretta di mano commerciale consentirà a Huawei di creare app in grado di soppiantare Google Maps sfruttando i servizi dell’azienda olandese: non solo mappe, ma anche informazioni sulle condizioni del traffico e lo stesso software di navigazione. In questo modo gli smartphone a cui sarà precluso l’utilizzo del navigatore GPS di Big G non correranno il rischio di restare senza strumenti di navigazione.

Questa strategia mette in luce la caparbietà della società cinese che, nonostante la penalizzazione subita, non ha assolutamente arrestato la sua corsa. Anzi, si è messa all’opera creando per di più un proprio sistema operativo, HarmonyOS, lanciando sul mercato con questa configurazione alternativa nuovi dispositivi mobili di successo (tra questi il Mate 30 Pro e il Mate 30).

Leggi anche: HarmonyOS, ecco il nuovo sistema operativo di Huawei

Per poter capire che sorte toccherà a Huawei il prossimo 16 febbraio (giorno nel quale scadrà la proroga concessa dal governo americano), non ci resta che attendere la data fatidica. Se il divieto dovesse essere confermato e i rapporti con Google dovessero chiudersi per sempre, Huawei avrà comunque già a portata di mano una valida soluzione.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Waze e Spotify, brani più ascoltati alla guida nel 2019
icona app

Blog

Waze e Spotify: ecco i brani più ascoltati dagli automobilisti

La relazione tra Waze e Spotify è più salda che mai. Waze è il famoso servizio di navigazione GPS gratuito con cui puoi viaggiare in tutta sicurezza grazie alle…

Microsoft vuole acquistare TikTok
icona app

Blog

TikTok sarà acquistato da Microsoft?

La decisione di Donald Trump sulla messa al bando di TikTok in America per tutelare la sicurezza nazionale potrebbe mettere a dura prova una delle applicazioni più amate e…

Migliori app Android del 2019
icona app

Blog

Migliori app Android del 2019 sul Play Store

Dicembre è il mese dei resoconti, quello nel quale si è solitamente portati a stilare o leggere classifiche di vario tipo su un altro incredibile anno pronto a volgere…

Iscriviti alla Newsletter