Huawei senza Google
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 874

Huawei senza Google Play: cosa cambia da ora in poi

Il ban di Trump non ha lasciato scampo al colosso cinese. Huawei è stato infatti già costretto a immettere sul mercato due nuovi smartphone top di gamma, il Mate 30 e il Mate 30 Pro, privi dei servizi Google.

Il divieto imposto dal governo statunitense alle aziende americane di intrattenere rapporti commerciali con le imprese a rischio per la sicurezza nazionale, Huawei tra queste, ha avuto conseguenze dirette sulla società di Shenzhen, che ha dovuto così ripiegare sul proprio sistema operativo e sui propri servizi. I problemi per gli utenti sono quindi destinati a presentarsi.

Huawei Mobile Services al posto dei Google Play Services

A differenza dei precedenti telefoni, i nuovi dispositivi mobili firmati Huawei si caratterizzano per la mancanza dei cosiddetti Google Play Services, ovvero quei servizi attivi in background sugli smartphone Android grazie ai quali è possibile gestire numerose funzionalità a cui è ormai impossibile rinunciare. Tra queste il collegamento delle applicazioni a Google Maps e a YouTube, ma anche la ricezione delle notifiche push da parte delle app.

Al loro posto Huawei è stato costretto a sviluppare i propri Huawei Mobile Services. Questi in realtà esistono da prima che il ban diventasse effettivo, ma ad usarli sono davvero in pochi: gli sviluppatori li utilizzano in minima parte nelle loro applicazioni perché funzionano solo sui cellulari Huawei. A differenza dei Huawei Mobile Services, quelli di Google sono universali, questo significa che risultano perfettamente funzionanti a prescindere dal dispositivo Android posseduto.

Quali sono le conseguenze per gli utenti

Contrariamente a quanto si possa pensare, il cambiamento non può passare inosservato. A risentirne sono soprattutto gli utenti, costretti a fare i conti con una quantità esigua di app rispetto a quelle presenti sul Play Store. I servizi di Huawei garantiscono funzionalità più o meno simili a quelle di Google, quindi teoricamente l’utente non dovrebbe rendersi conto della differenza. Peccato, però, che questa invece esista e sia tangibile: le funzioni di numerose app sono ridotte, perché senza agganciarsi a un servizio Google non possono funzionare in maniera ottimale.

Obiettivo di Huawei

Qual è quindi l’intento di Huawei? Sicuramente espandere AppGallery, la soluzione alternativa al Google Play Store che contempla 3 milioni di applicazioni. A differenza di quest’ultimo, lo store di Huawei ha all’attivo al momento solo 45 mila app.

Leggi anche: HarmoyOS è il nuovo sistema operativo di Huawei

Affinché gli sviluppatori possano provvedere a integrare le applicazioni e le funzioni mancanti (aggiungendo per queste ultime un codice che permetta di migliorare l’esperienza utente), Huawei ha deciso di incoraggiarli attraverso un cospicuo incentivo economico pari a 1 miliardo di dollari.

Aderendo all’HMS Ecosystem Incentive Program, ogni creatore di un’app pubblicata su AppGallery percepirà l’85% della cifra pagata dall’utente che decide di acquistarla, contro il 70% concesso da Big G ai propri sviluppatori sul Play Store. Per Huawei si tratta, dunque, di un salasso inevitabile se l’obiettivo è quello di diventare sempre più competitivo anche per quanto riguarda il mercato delle applicazioni.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

WhatsApp e Telegram, scoperta una falla
icona app

Blog

WhatsApp e Telegram: una falla mette a rischio file inviati in chat

I file multimediali inviati tramite chat usando WhatsApp e Telegram sarebbero a rischio. A rivelarlo Symantec, famosa azienda statunitense impegnata nella sicurezza informatica: stando alle sue dichiarazioni pubblicate sul…

Google Maps diventa social
icona app

Blog

Google Maps diventa sempre più social, ecco come

Google Maps non ha intenzione di essere da meno rispetto alle altre piattaforme social presenti sul mercato, per questo ha deciso di attuare una rivoluzione integrando nuove funzioni con…

MusicScape, come funziona
icona app

Blog

MusicScape, trasforma i tuoi ascolti di Spotify in paesaggio

Hai mai provato a disegnare quello che la musica riesce a farti immaginare? Le note di ogni canzone sono in grado di trasportarci da un luogo all’altro, facendoci passeggiare…

Iscriviti alla Newsletter