Google Tangi, app per imparare e condividere video tutorial
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 148

Google Tangi, arriva l’app per condividere brevi tutorial

Hai voglia di imparare cose nuove ogni giorno o condividere con altre persone quello che sai fare? Il mondo del fai da te sarà presto a portata di mano installando sul tuo smartphone una nuova applicazione sviluppata dall’Area 120 di Google, la divisione aziendale che si occupa della realizzazione di progetti sperimentali.

Diamo il benvenuto a Tangi, l’innovativa piattaforma dedicata alla condivisione delle proprie passioni (cucina, arte, bricolage, diy, abbigliamento, cosmetici, ecc.) tramite brevi video tutorial, nulla a che vedere con la blasonata TikTok usata dagli utenti per pubblicare video musicali e filmati divertenti. L’intento dell’applicazione lo si evince dal nome e dalle espressioni che lo hanno ispirato: “TeAch aNd GIve” e “Tangibile”.

Tangi, la nuova app di Google: cos’è e come funziona

Per conoscere in maniera approfondita la nuova app sviluppata da Big G, possiamo affidarci alle parole usate da Coco Mao, a capo del team di sviluppatori che ha ideato Tangi: «Tangi è dove le persone creative possono ottenere nuove idee e connettersi con altre persone appassionate come loro».

Siamo di fronte a un social inedito, un progetto con cui l’azienda californiana non si era mai misurata. L’applicazione si mostra intuitiva e graficamente divertente; ricalca un po’ lo stile di Pinterest, ma il fulcro della sua identità non sono le foto, bensì i video.

Si tratta, infatti, di una piattaforma di video sharing grazie alla quale affinare le proprie competenze in meno di 60 secondi. I filmati dei tutorial possono essere sia visualizzati che condivisi in prima persona, portando così alla formazione di una community che raggruppa creatori e fan. Usando Tangi puoi mettere a frutto le tue doti creative, imparando o insegnando concetti vari negli ambiti più disparati: cucina, styling, make-up, lavori manuali, ecc.

Com’è nata l’applicazione

L’origine di Tangi è strettamente correlata a un accadimento personale di Coco Mao. È lei ad averlo raccontato sul blog di Google attraverso un post ad hoc:

«L’ultima volta che sono andata a casa a trovare i miei genitori a Shanghai, li ho trovati a guardare molti video dimostrativi sulla pittura e la fotografia sul loro telefono. Mia madre ha sempre avuto un lato creativo e sono stata sorpresa di apprendere che ora è una pittrice dilettante grazie a queste comunità di nicchia che condividono rapidi video dimostrativi. Anch’io mi sono unita ad alcune di queste vivaci comunità creative che realizzano video sulla cucina e la moda. Ho notato qualcosa di magico in questi video: potevano rapidamente spiegare qualcosa che richiedeva molto tempo per poter essere appresa solo con testo e immagini

La mamma di Coco Mao è la testimonianza diretta di quanto i video tutorial siano utili
La mamma di Coco Mao è la testimonianza diretta di quanto i video tutorial siano utili
(foto: blog-google)

Video dell’applicazione

Ecco il video di presentazione della nuova applicazione firmata Google, per ora apparentemente disponibile solo sull’Apple Store e sul web (tangi.co), e non ancora in Italia.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo

Tutti gli articoli su →

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Sanremo 2020, filtro "Canta Sanremo" per le storie di Instagram
icona app

Blog

Sanremo 2020, ecco il filtro per le storie di Instagram

Il Festival di Sanremo divide il pubblico in fazioni contrastanti. Da un lato gli spettatori più affezionati che non vogliono perdersi neanche un’edizione, dall’altro quelli che dell’evento proprio non…

Siri di Apple, registrazioni conversazioni e atti sessuali
icona app

Blog

Apple si scusa: Siri registrava atti sessuali degli utenti

Dopo il polverone sollevato da The Guardian, denunciando il fatto che Siri ascoltasse le conversazioni degli utenti, giungono le scuse ufficiali di Apple in merito ad un’indiscrezione che aggrava…

Telegram, aggiornamento 2019
icona app

Blog

Telegram si aggiorna: nuova grafica e nuove funzioni

Se Telegram dovesse tracciare un bilancio dell’anno appena conclusosi, sarebbe certamente positivo. Il 2019, infatti, ha regalato all’app di messaggistica istantanea rivale numero uno di WhatsApp una mole sorprendente…

Iscriviti alla Newsletter