Google Reader dentro Chrome
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 249

Google Reader dentro Chrome, puoi attivarlo subito

Google Reader è stato chiuso da Google l’1 luglio 2013. Per ricevere aggiornamenti relativi alle ultime notizie pubblicate dai propri giornali online preferiti, ogni utente poteva sfruttare il famoso lettore di feed RSS nato nel 2005. La chiusura di questo servizio da parte di Big G aveva suscitato critiche e malcontento. A distanza di anni possiamo finalmente tornare a parlare di Google Reader perché è ritornato in grande stile dentro il browser Chrome.

Google Reader al momento è attivo solo sull’app di Chrome per Android, ma sarà presto disponibile anche per la versione per sistema operativo iOS. Dell’integrazione del servizio in Chrome per Mac o PC non si sa invece ancora nulla.

Sebbene Chrome per Android sia già a disposizione degli utenti, non è detto che sia stato attivato di default. Per questo oggi vogliamo aiutarti a capire come attivare il nuovo, ma ben noto, servizio di casa Google.

Nuovo Google Reader, come attivarlo

Per visualizzare il nuovo Google Reader basta aprire una nuova scheda con l’app Chrome per Android: ogni utente adesso può sfruttare due tab, una per Discover (il feed notizie creato dagli algoritmi di Google tracciando le ricerche online degli utenti) e l’altra per Reader, quest’ultima chiamata “Seguito”.

In caso di tab Reader non visibile, bisogna aggiornare Chrome all’ultima versione disponibile. Qualora l’aggiornamento sia stato già fatto, ma di Google Reader non vi sia ancora traccia, allora si deve procedere scrivendo la stringa “Chrome://flags/#web-feed” nella barra degli indirizzi. Una volta cliccato invio, comparirà la pagina di Chrome dedicata alle funzioni sperimentali: bisogna abilitare l’opzione “Web Feed” selezionando “Enabled”.

Come si fa a inserire un sito tra le fonti preferite? Basta visitarlo, per poi premere “Segui” dopo aver aperto il menù principale di Chrome, cioè i tre puntini verticali in alto a destra. Così facendo, tutte le volte in cui quel sito pubblicherà un nuovo articolo sarà visualizzabile nella tab “Seguito”.

Vecchio Google Reader vs nuovo Google Reader

Nel vecchio Google Reader le notizie venivano mostrate in base all’ordine di pubblicazione, quindi, se su un sito venivano pubblicati pochi articoli al giorno, era difficile che questi comparissero per primi rispetto agli articoli che altri siti pubblicavano con una frequenza e una quantità maggiore.

Attraverso il nuovo Google Reader, invece, è possibile leggere gli ultimi tre articoli pubblicati da ogni sito salvato nella tab. L’ordine di visualizzazione dei vari siti nel feed RSS al momento non può essere ancora modificato, questo significa che sarà visualizzato per primo l’ultimo sito da noi “seguito”.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

WhatsApp limita durata video durante la quarantena
icona app

Blog

WhatsApp, video lunghi non più di 15 secondi

Come ben sappiamo, l’emergenza coronavirus sta creando non pochi problemi anche dal punto di vista tecnologico, per via del sovraccarico della rete a causa del maggiore utilizzo della connessione…

Le migliori app Android e iOS per monitorare i terremoti
icona app

Blog

Tecnologia e terremoti: le 3 migliori app per monitorarli e segnalarli

Le applicazioni per terremoti di cui parliamo oggi vorremmo non doverle nominare, ma è inevitabile farlo se consideriamo quanto il fenomeno sismico in Italia e nel mondo sia purtroppo…

App cibo a domicilio in Italia
icona app

Blog

App di consegna cibo a domicilio in aumento in Italia

Hai mai digitato nella barra di ricerca di Google “la cena a casa”? Confessalo, a volte ti sarà sicuramente balenata l’idea di ordinare qualcosa di gustoso da mangiare standotene…

Iscriviti alla Newsletter