Google Maps segnalerà le strade illuminate
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 421

Google Maps indicherà le strade illuminate

Affidarsi a Google Maps è diventato ormai indispensabile per tutti i tipi di spostamento: sia che ci si muova in auto sia che si voglia raggiungere un luogo a piedi, seguire le indicazioni del famoso navigatore GPS sviluppato da Big G aiuta ad arrivare a destinazione in modo più semplice.

Dopo aver implementato nuove funzioni tra cui quella della realtà aumentata per ottenere indicazioni aggiuntive sui punti d’interesse e i monumenti quando si naviga a piedi, ecco prendere forma un’altra funzionalità grazie alla quale è possibile ottenere segnalazioni sulle strade più illuminate e sicure per i tragitti notturni a piedi e in auto.

L’aggiornamento non fa altro che rendere più efficiente un’applicazione già altamente utile per l’intera comunità: grazie a Google Maps è possibile sapere se i mezzi pubblici sono pieni o in ritardo e che percorso seguire quando si usa la bici; l’app può essere utilizzata anche dagli ipovedenti o persone non vedenti sfruttando delle innovative indicazioni vocali. Insomma, uno strumento che continua a migliorarsi, per garantire un’esperienza utente sempre più proficua. In questa panoramica si inserisce la nuova funzione che sconsiglia le strade più buie.

Nuova opzione “Lighting”

A scoprire la nuova opzione legata al grado di illuminazione stradale sarebbe stato il team di XDA Developers, scovandola all’interno dell’ultima versione beta di Google Maps. Dovrebbe essere chiamata “Lighting” (“Illuminazione”) in virtù dello scopo da assolvere: segnalare in giallo le strade più illuminate, affinché l’utente possa evitare quelle più buie sia quando è a piedi sia quando usa la macchina nel corso degli spostamenti notturni.

Alcune stringhe comparse nel codice sarebbero, infatti, le seguenti: “Le linee gialle mostrano le strade con una buona illuminazione”; “Nessuna informazione di illuminazione disponibile”; “Scarsa o nessuna illuminazione”.

La funzione si rivelerebbe utile per chi è costretto a muoversi a piedi in orari non propriamente consoni e sicuri, soprattutto in zone sconosciute: Google sembra, così, aver ascoltato e accolto la preoccupazione espressa dagli utenti su Twitter.

Come funzionerà l’opzione

I dubbi in merito alla nuova opzione riguardano il suo funzionamento. Come farà Google a raccogliere le informazioni sulle condizioni di illuminazione delle strade? È probabile che l’azienda californiana si baserà sulle segnalazioni degli utenti, così come avviene per gli incidenti stradali.

Leggi anche: Google Maps, ecco come segnalare incidenti e pericoli

Al momento la nuova funzione non è ancora confermata, ma potrebbe essere distribuita su scala mondiale dopo essere stata testata in India (probabilmente per cercare di contrastare i numeri agghiaccianti delle donne stuprate nel Paese negli ultimi tempi).

Tutti gli articoli su →

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

WhatsApp, truffa Adidas
icona app

Blog

WhatsApp: attento alla truffa, Polizia Postale lancia l’allarme

Negli ultimi giorni su WhatsApp sta circolando un messaggio che potrebbe far gola a milioni di utenti ignari della truffa nella quale possono incappare. Il contenuto del messaggio virale…

muoversi in auto
icona app

Blog

App per muoversi in auto, qual è la migliore?

Capita a molti di doversi spostare da una zona all’altra, soprattutto nelle grandi città dove le distanze sono maggiori. Come fare? Ci sarebbero i mezzi pubblici, ma magari la…

YouTube, stop temporaneo ai video in HD
icona app

Blog

YouTube, stop temporaneo ai video in alta definizione

Il periodo, si sa, è particolarmente difficile per tutti a causa dell’emergenza coronavirus. Ognuno di noi è chiamato a rispettare il decreto #iorestoacasa, e le attività che è possibile…

Iscriviti alla Newsletter