Facebook Sparked, app per incontri
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 798

Sparked, l’app di dating creata da Facebook

Facebook ha deciso di indossare nuovamente i panni del moderno Cupido. Per scoccare le sue frecce e consentire ai suoi utenti di trovare l’anima gemella, il colosso di Menlo Park ha sviluppato una nuova app di dating chiamata Sparked. La piattaforma si basa su un sistema di video attraverso cui partecipare al cosiddetto speed dating, un modo decisamente alternativo rispetto alle applicazioni di questa categoria già esistenti sul mercato.

A quanto pare all’argomento amoroso Facebook sembra essere particolarmente interessato. Già nel 2019 aveva infatti lanciato un’altra applicazione nota come Facebook Dating per agevolare la ricerca dell’amore mediante social network. Integrandola alla piattaforma social, l’app funziona mediante un algoritmo che abbina gli utenti con interessi simili (cioè quelli che emergono dai profili) e che si trovano nella medesima area geografica. In questo modo le persone così individuate, in virtù degli elementi in comune, possono sentirsi invogliati a comunicare tra loro avendo già dei primi spunti utili di conversazione.

Come funziona Facebook Sparked

Lo swipe dei profili per esprimere apprezzamento o disinteresse nei confronti di un utente è alla base di app come Tinder. Facebook Sparked, invece, funziona diversamente: l’applicazione ha come caratteristica distintiva l’incontro virtuale vis-a-vis tra le persone interessate, che è un po’ quello che accade durante gli incontri dal vivo di speed dating.

Leggi anche: Tinder, l’app per incontrare persone e trovare l’anima gemella

Attraverso lo schermo, due utenti magari residenti nella stessa città possono conoscersi sfruttando un breve lasso di tempo destinato all’appuntamento. Nel corso di questi minuti possono parlare di tematiche di loro interesse prima di passare all’utente successivo. Affinché la piattaforma possa funzionare nel migliore dei modi, è fondamentale che ogni partecipante prenda parte agli incontri con gentilezza: per poter rientrare tra gli utenti che usano Sparked, infatti, ogni candidato viene valutato da persone in carne e ossa e non da un algoritmo freddo e impersonale.

Il lato umano, quindi, è quello su cui Mark Zuckerberg vuole investire, scardinando i classici meccanismi delle app per incontri che funzionano mediante sistemi meccanizzati. L’intento è quello di mettere a disposizione degli interessati una piattaforma sicura grazie alla quale conoscere un partner valido ed affidabile.

Sparked, quando sarà disponibile

Attualmente Sparked può essere scaricata solo negli Stati Uniti dagli utenti autorizzati a partecipare alla fase di beta test. Si tratta, però, ancora di incontri dal vivo di numero esiguo (il più recente è stato organizzato a Chicago, raccogliendo solo 47 adesioni per la preiscrizione). Una volta aumentato il numero degli speed date, l’app potrà essere diffusa estendendone l’uso anche in altre aree del mondo.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Google unifica app di messaggistica
icona app

Blog

Tutte le app di messaggistica in una: Google ci riprova

Google ha deciso di sfidare apertamente WhatsApp e Microsoft Team riprogettando Gmail per la G-Suite (ossia gli account business a pagamento di Big G). In che modo? Unificando in…

Android 10 per Samsung Galaxy; quando è previsto l'aggiornamento
icona app

Blog

Android 10 sugli smartphone Samsung: quando arriverà l’aggiornamento

Ad attendere con ansia l’aggiornamento ad Android 10 sono in tantissimi e il malumore comincia un po’ a serpeggiare tra i possessori di smartphone Android convinti che questo sarebbe…

WhatsApp su più dispositivi: su due telefoni contemporaneamente
icona app

Blog

WhatsApp su più dispositivi: in cosa consiste la novità in beta

Da qualche settimana gli utenti di WhatsApp stanno sperimentando la funzione multidispositivo, peccato però che ci sia un limite con cui fare i conti. A rassicurarci è intervenuto fortunatamente…

Iscriviti alla Newsletter