Facebook Pay, ecco il nuovo sistema di pagamenti digitali
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 643

Facebook Pay, ecco il nuovo servizio di pagamenti digitali

La notizia è ufficiale: Facebook lancia Facebook Pay, il nuovo servizio di pagamenti che potrà avvenire attraverso la sua applicazione e su tutte le piattaforme di sua proprietà. Stiamo ovviamente parlando di Messenger, Instagram e WhatsApp. Le novità sul nuovo sistema di pagamenti digitali, fatte trapelare dalla stessa azienda californiana, hanno in realtà sorpreso un po’ tutti visto il ridimensionamento della criptovaluta Libra in seguito all’addio di partner importanti come eBay, Visa e Mastercard.

Mark Zuckerberg stava però lavorando su più fronti, così, dopo aver annunciato lo sviluppo di WhatsApp Pay, ecco ora presentarsi alla stampa mondiale con le news sul lancio imminente di Facebook Pay.

Come funziona Facebook Pay

Facebook, Messenger, Instagram, WhatsApp: questa è la grande famiglia di applicazioni (di cui Zuckerberg è proprietario) su cui sarà possibile effettuare pagamenti e scambiare denaro usando Facebook Pay.

Per poter utilizzare il servizio ogni utente dovrà scaricare e configurare l’app relativa a Facebook Pay: sulla piattaforma sarà possibile impostare il metodo di pagamento che più si preferisce, permettendo a Facebook Pay di usarlo per effettuare tutti i pagamenti sulle applicazioni della società di Menlo Park.

Leggi anche: WhatsApp Business diventa un e-commerce, ecco come

Usando Facebook Pay non sarà necessario inserire i dati di pagamento tutte le volte in cui ci si appresterà a compiere un acquisto e si potrà, inoltre, consultare la cronologia dei pagamenti sostenuti, così da consentire agli utenti di monitorare le spese e gestire il denaro su un’unica piattaforma.

Facebook Pay, come funziona (fonte: Facebook Newsroom)
Facebook Pay, come funziona (fonte: Facebook Newsroom)

Sicurezza dei dati

Oltre a PayPal, saranno supportate quasi tutte le carte di credito e debito principali e i pagamenti potranno avvenire grazie alla collaborazione con aziende di tutto il mondo tra cui Stripe e PayPal.

Così come sottolineato dall’azienda americana, la piattaforma è stata progettata per permettere l’archivio e la protezione dei dati mediante crittografia: questo significa che i numeri del conto bancario e delle varie carte che ciascun utente possiede e inserirà sull’app saranno al sicuro. Sarà la stessa società a monitorare costantemente il sistema per evitare che vengano messe in atto attività fraudolente e non autorizzate.

Per aumentare il livello di sicurezza quando vorrà effettuare un pagamento o inviare dei soldi a un suo contatto, ogni utente potrà utilizzare un PIN o i dati biometrici del proprio smartphone (come il face ID o il riconoscimento touch).

Quando sarà disponibile

Stando alle informazioni diffuse, il servizio sarà disponibile negli Stati Uniti già a partire da questa settimana e sarà attivato su Facebook e Messenger. WhatsApp e Instagram arriveranno in seguito (entro qualche mese), probabilmente in contemporanea col lancio della nuova piattaforma a livello internazionale.

Il sistema di pagamenti digitali sarà inizialmente impiegato per raccolte fondi, biglietti di eventi, acquisti in-game, comprare prodotti di aziende e pagine presenti nel Marketplace di Facebook, scambiare e inviare denaro ai propri contatti su Messenger. Come già anticipato, col tempo Facebook Pay potrà essere usato nei Paesi di tutto il mondo, estendendo le sue funzioni anche per la tanto amata app social e la famosa app di messaggistica istantanea.

Tutti gli articoli su →

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Google Viaggi, la novità di Google
icona app

Blog

Da Google Trips a Google Viaggi: il portale prende il posto dell’app

Google Trips cesserà di esistere il 5 agosto 2019. Lo ha annunciato Google, la nota azienda californiana di Mountain View che ha deciso di non fornire più supporto all’app…

Spotify, in arrivo la geolocalizzazione
icona app

Blog

Spotify: geolocalizzazione contro i furbetti dell’abbonamento

Gli abbonamenti Family sottoscritti furbamente potrebbero avere i giorni contati. Un’affermazione che suona quasi come una sentenza per tutti coloro che usano Spotify in maniera non propriamente lecita. Sarebbe,…

WhatsApp, tema verde scuro
icona app

Blog

WhatsApp cambia colore, ecco il tema verde scuro

Che WhatsApp sia in continua evoluzione è un dato di fatto. Lo testimoniano i cambiamenti attuati di recente per quanto concerne la trasformazione in vero e proprio e-commerce (basti…

Iscriviti alla Newsletter