Facebook blocca notizie false sul coronavirus
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 318

Coronavirus: Facebook dichiara guerra alle fake news sulle sue piattaforme

Le notizie sul coronavirus continuano a inondare TV e social network, contribuendo ad estendere a macchia d’olio un panico da contagio che sembra non volersi attenuare. Se personaggi noti, siti web, influencer e testate varie diffondessero dati validi, senza sfociare in inutili allarmismi, di certo verrebbero meno i numerosi casi di razzismo e psicosi che le fake news sull’epidemia stanno fomentando.

Per arginare il fenomeno, Facebook ha deciso di scendere in campo in prima persona eliminando le notizie false sul coronavirus dai social di sua proprietà e sostenendo la diffusione delle corrette informazioni a cura delle autorità sanitarie globali: qualunque contenuto fake (post, foto o video) sarà rimosso dalla piattaforma di Facebook e Instagram per via della sua pericolosità, parola del colosso di Menlo Park.

Stop alle notizie false sul coronavirus, ecco come

Il capo della divisione sanità di Facebook, Kan-Xing Jin, ha spiegato il motivo del provvedimento messo in atto dal social:

«Inizieremo a cancellare post con contenuti pericolosi, cercando di indirizzare i lettori ai siti con le notizie corrette. Le nuove misure verranno anche applicate agli hashtag che promuovono fake news tramite foto su Instagram. È importante che chi usa Facebook non causi danno al pubblico».

Per capire quali contenuti eliminare, Facebook si baserà sui consigli delle organizzazioni sanitarie locali e mondiali; per sostenere le campagne di informazione sul coronavirus e mettere in evidenza i post che possono davvero essere utili per gli utenti, darà alle organizzazioni la possibilità di sponsorizzare i contenuti (ad esempio quelli sui metodi per evitare il contagio) in forma gratuita usando spazi forniti direttamente dalla piattaforma. Inoltre, in caso di notizia fasulla, alle persone che l’hanno condivisa sarà inviata una notifica per avvisarle della non correttezza delle informazioni.

L’intento è quello di collaborare con la comunità scientifica e sanitaria, affinché siano divulgate solo informazioni da fonti attendibili e la sicurezza delle persone non venga mai meno. Una necessità maturata dopo l’annuncio dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sullo stato di emergenza sanitaria pubblica.

Tutti gli articoli su →

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Tinder, pulsante d'emergenza per brutti incontri
icona app

Blog

Tinder, bottone d’emergenza per i brutti incontri

Una delle app per incontri più utilizzate al mondo ha introdotto in America una funzione utile e interessante. Qualora non si fosse capito, stiamo parlando di Tinder, l’applicazione che…

WhatsApp Business si trasforma in e-commerce grazie alla funzione "Catalog"
icona app

Blog

WhatsApp Business diventa un e-commerce: ecco come

WhatsApp Business è la versione di WhatsApp usata dalle aziende di tutto il mondo e la novità che la riguarda ha a che fare con una nuova funzione introdotta…

WhatsApp, modalità scura in arrivo
icona app

Blog

WhatsApp, cosa cambia con la modalità scura

Prime indiscrezioni in merito alla modalità scura per WhatsApp avevano cominciato a diffondersi già prima dell’estate. Le modifiche apportate nel corso degli ultimi mesi non hanno prodotto cambiamenti epocali…

Iscriviti alla Newsletter