App VPN Android infette, quali sono
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 347

App VPN Android infette, ecco quali

Le falle di sicurezza riguardanti il Play Store hanno fatto sì che sulla sua piattaforma potessero essere pubblicate numerose applicazioni malevoli prontamente individuate e segnalate. La notizia di oggi riguarda quattro app VPN maligne scoperte da Andy Michael, un esperto di cybersecurity di origine neozelandese.

Si tratta di applicazioni al cui interno sono nascosti adware altamente pericolosi: non si limitano a mostrare annunci pubblicitari indesiderati e invasivi, ma sono anche in grado di consumare batteria e di tracciare le azioni degli utenti.

Le app VPN hanno la funzione di rendere irrintracciabile la navigazione online e sono per lo più usate in quei Paesi dove l’accesso a Internet è negato o sorvegliato e dove la libertà di stampa non esiste (un esempio su tutti è la Cina). Le quattro applicazioni scovate sono state sviluppate dal software cinese Cheetah Mobile, famoso per aver creato numerose app presenti sul Google Play Store.

Quali sono le app maligne

Le applicazioni esaminate in questo articolo sembrano essere più pericolose rispetto a quelle scoperte nel corso delle precedenti settimane, perché offrono un servizio molto delicato, cioè quello della VPN che in teoria dovrebbe tutelare gli utenti.

Alcune sono state scaricate addirittura più di 500 milioni di volte da persone di tutto il mondo, segno, questo, di quanto il virus si sia diffuso a macchia d’olio un po’ ovunque, forse anche in Italia. Le quattro app VPN incriminate sono le seguenti:

  • Hotspot VPN
  • Free VPN Master
  • Secure VPN
  • Security Master.

Come funzionano le app VPN infette

Una volta installate, le app rimangono in funzione in background e iniziano a bombardare lo sfortunato utente con continui annunci pubblicitari pronti a comparire tutte le volte in cui si usa il dispositivo. Queste quattro applicazioni analizzano il comportamento degli utenti così da mostrare le pubblicità proprio nel momento in cui sanno che la persona potrà cliccarci su con maggiore probabilità, cioè quando utilizza i tasti per andare indietro oppure quanto torna alla schermata principale.

Leggi anche: Scoperte due app Android infette

Come difendersi dalle app infette

I consigli in questi casi sono sempre gli stessi: evitare di installare app di terze parti, controllare le recensioni pubblicate sul Play Store, installare un’app antivirus valida. Google ha provveduto ad avviare un’indagine al termine della quale le app in questione saranno prontamente eliminate dallo store qualora fosse appurata una violazione delle norme aziendali.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Perché Spotify non funziona sull'iPhone
icona app

Blog

Spotify per iPhone, problemi riscontrati e risolti

I possessori di iPhone abituati ad avviare Spotify senza alcun problema hanno dovuto oggi fare i conti con alcuni malfunzionamenti della famosa piattaforma per lo streaming musicale. L’applicazione non…

Coronavirus, piattaforme utili da consultare
icona app

Blog

Coronavirus, la tecnologia al servizio della comunità

Quella che il mondo sta affrontando a causa del coronavirus è un’emergenza che non può lasciarci indifferenti. Ognuno ha il dovere di contribuire attivamente alla causa in base agli…

Waze rilascia la funzione "Costo pedaggio"
icona app

Blog

Waze, ora puoi conoscere il costo del pedaggio anche in Italia

L’aggiunta della funzionalità “Costo pedaggio” non è una novità per la famosa app di navigazione GPS. Il suo lancio ufficiale è avvenuto già nel corso dello scorso luglio, ma…

Iscriviti alla Newsletter