Android 11, prime novità
icona app

Blog
giorno commenti 0 visite 259

Android 11: scopri le prime novità sul nuovo sistema operativo

Nei giorni scorsi il nuovo Android 11 ha iniziato a solleticare la curiosità dei primi utilizzatori. Non utenti normali, ma sviluppatori, nello specifico quelli iscritti al programma “Developer Preview”. Il rilascio della versione in anteprima del nuovo sistema operativo di Google apre le porte alla versione finale che sarà disponibile al download a fine estate.

Al momento può essere scaricata sui seguenti dispositivi Google: Pixel 4 e 4XL; Pizel 3, 3XL, 3a e 3a XL; Pixel 2 e 2 XL. Per installare l’anteprima di Android 11 sugli smartphone in questione, bisogna fare un flash del sistema che cancellerà tutti i dati precedenti, per cui è meglio avviare la procedura su cellulari poco utilizzati e non su quelli di uso quotidiano.

Questa versione è ovviamente acerba e non ancora stabile, motivo per cui il colosso californiano ha deciso di affidare agli sviluppatori la sua valutazione al fine di individuare bug ed errori da correggere. Per quanto si tratti di una prima release e fermo restando che non tutte le funzioni presenti in essa vengano poi confermate in quella ufficiale, è già possibile dare un’occhiata alle interessanti novità che caratterizzeranno il nuovo Android 11.

Come sarà Android 11

A livello estetico sembra non vi siano cambiamenti evidenti. Per quanto riguarda le funzionalità, si parla di un miglior supporto per il 5G, di una nuova interfaccia per la messaggistica interna e di una maggiore salvaguardia della privacy. Scopriamo qui di seguito le caratteristiche della nuova release di Android 11.

  • Rete 5G migliorata: per far sì che il nuovo sistema di connessione possa essere supportato dagli smartphone compatibili, Google ha deciso di integrare nuove API dedicate proprio al 5G.
  • Interfaccia dinamica: Android 11 sarà installato su una nuova tipologia di smartphone di ultima generazione, ovvero quelli con schermo pieghevole (i cosiddetti smartphone “foldable”). Il nuovo OS deve quindi permettere lo spostamento degli elementi sull’interfaccia in modo agevole e dinamico.
  • Sistema di messaggistica a bolle: una funzione che ricorda la chat di Facebook e che sarà implementata per le applicazioni di messaggistica.
  • Sezione dedicata alle conversazioni: le notifiche, visibili nella tendina, saranno raggruppate per tipologia e area tematica (e-mail, aggiornamenti delle app, like di Instagram), così da rendere l’uso del telefono più intuitivo.
  • Registrazione dello schermo: questa è una delle novità più attese, e sarà installata di default nel nuovo sistema operativo.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Condividi l'articolo con i tuoi amici


Fai conoscere la tua applicazione



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

Google SMS 2.0
icona app

Blog

Google lancia gli SMS 2.0, ma cosa significa?

Google rilancia gli SMS. Questa è la notizia che da almeno un mese rimbalza su Internet e gli articoli con titoli sensazionalistici sono piuttosto numerosi. Ma cosa significa davvero…

WhatsApp Payments, come funziona
icona app

Blog

WhatsApp Pay: come fare pagamenti e bonifici tramite chat

Su WhatsApp sarà possibile effettuare pagamenti e bonifici. Il nuovo sistema, noto come WhatsApp Payments (o WhatsApp Pay), è in fase di sperimentazione già dal mese di febbraio e…

Cosa è WhatsApp Pay
icona app

Blog

WhatsApp Pay, cosa è e quando sarà disponibile in Italia

Il settore dei pagamenti ha subito notevoli cambiamenti nel corso degli anni: se da un lato sono aumentati in modo esponenziale quelli effettuati mediante carte di credito e di…

Iscriviti alla Newsletter